Archivio del Blog
ligne
vai all'indice di tutti i post del blog di Francesco

Il blog di Francesco

14 luglio 2009

Oggi sciopero

Gli ultimi mesi sono stati caratterizzati da un susseguirsi di iniziative legislative apparentemente estemporanee e dettate dalla fantasia dei singoli parlamentari ma collegate tra loro da una linea di continuità: la volontà della politica di soffocare ogni giorno di più la Rete come strumento di diffusione e di condivisione libera dell’informazione e del sapere. Le disposizioni contenute nel "Decreto Alfano" sulle intercettazioni rientrano all'interno di questa offensiva.

Il cosiddetto "obbligo di rettifica" imposto al gestore di qualsiasi sito informatico (dai blog ai social network come Facebook e Twitter) appare chiaramente come un pretesto, un alibi. I suoi effetti infatti - in termini di burocratizzazione della Rete, di complessità di gestione dell'obbligo in questione, di sanzioni pesantissime per gli utenti - rendono il decreto una nuova legge ammazza-internet.

Rispetto ai tentativi precedenti questo è perfino più insidioso e furbesco, perché anziché censurare direttamente i siti e i blog li mette in condizione di non pubblicare più o di pubblicare molto meno, con una norma che si nasconde dietro una falsa apparenza di responsabilizzazione ma che in realtà ha lo scopo di rendere la vita impossibile a blogger e utenti di siti di condivisione.

I blogger sono già oggi del tutto responsabili, in termini penali, di eventuali reati di ingiuria, diffamazione o altro: non c'è alcun bisogno di introdurre sanzioni insostenibili per i "citizen journalist" se questi non aderiscono alla tortuosa e burocratica imposizione prevista nel Decreto Alfano.

La pluralità dell'informazione, non importa se via internet, sui giornali, attraverso le radio o le tv o qualsiasi altro mezzo, costituisce uno dei diritti fondamentali dell’uomo e del cittadino e, probabilmente, quello al quale sono più direttamente connesse la libertà e la democrazia.

Con il Decreto Alfano siamo di fronte a un attacco alla libertà di di tutti i media, dal grande giornale al più piccolo blog.


Cliccate qua per aderire alla protesta!
  • 20/7/09 21:21  
    Anonymous Anthony Will said...

    purtroppo quando capiranno (se non l'hanno già capito) che il mondo virtuale è il più democratico, che i giovani lo usano sempre di più, cercheranno di soffocarci!!!
    Se posso permettermi, una nota buona nata dal web è l'ascesa di Debora Serracchiani, un esempio di come il web ti possa portare in alto molto in fretta.

    bisogna intervenire in massa per evitare che il web diventi censurata come la TV!!!!!!!!
    A.W.




Torna su

9 luglio 2009

La festa della Sardegna

In tre anni che vivo a Pisa, non ero mai andato alla famosa Festa della Sardegna nonostante tutti me ne parlassero bene e me la consigliassero.

Ma quest'anno mi son deciso e così... eccomi qua a Uliveto Terme a mangiare malloreddus e porchetto arrosto (qua potete vedere l'immagine)... e domani tutte le foto e i commenti sulla serata!
  • 10/7/09 13:01  
    Blogger Lorenzo said...

    dove sta Uliveto terme? Chi organizza la manifestazione?

  • 10/7/09 20:44  
    Blogger Francesco said...

    A meno di 15 chilometri da Pisa, puoi vedere in questa mappa la posizione esatta.

    La festa era organizzata dall'Associazione Culturale Sarda "Grazia Deledda" di Pisa: hanno anche un sito web.




Torna su

Copyright © Francesco Pintus. Tutti i diritti riservati. Design di Francesco Pintus, Muggio e DJI per Kitgrafik.com

Marketing ROI