Archivio del Blog
ligne
vai all'indice di tutti i post del blog di Francesco

Il blog di Francesco

29 novembre 2008

Oggi vi parlerò della mia passione

Iniziamo dal principio: per Computer Forensics si intende l'applicazione di un metodo investigativo scientifico al mondo digitale per ricavare elementi, informazioni, prove da portare in sede processuale. Un investigatore deve cioè essere in grado di avvicinarsi a un sistema informativo per determinare se esso sia stato utilizzato in attività illecite o non autorizzate, avendo cura di non alterare le possibili prove. La scena del crimine può quindi essere un computer (desktop, notebook o palmare) con tutte le sue componenti hardware, un supporto rimovibile (CD, DVD, iPod e così via), una rete come qualsiasi altro media digitale.

L'informatica forense (o computer forensics o digital forensics) è la scienza che studia l'identificazione, la conservazione, la protezione, l'estrazione, la documentazione e ogni altra forma di trattamento del dato informatico al fine di evidenziare l’esistenza di prove nello svolgimento dell’attività investigativa. Si occupa quindi delle tecniche e degli strumenti per l'esame metodologico dei sistemi informatici che poi successivamente possono essere valutati in un processo giuridico come prove relative a un atto criminoso dove per prova digitale si intende qualsiasi informazione, con valore probatorio, che sia o memorizzata o trasmessa in un formato digitale.

...continua la lettura e scopri cosa c'entra questo con me sulla pagina di www.viabonanno24.it creata appositamente per parlare di questa mia passione: http://www.viabonanno24.it/computerforensics.

  • 6/12/08 10:48  
    Blogger Maruko ha detto...

    Ue' francy, ho letto con interesse l'articolo e come al solito quando fai le cose le fai in modo... esaustivo :). Mi riferisco principalmente alla lista infiita di libri, che se sei come me con i libri di cucina finiscono di diventare piu' che altro doppioni con l'unica differenza di affrontare lo stesso argomento da punti di vista diversi (ma neanche tanto). Quindi riconosci il tuo semiautismo e smettila di buttare soldi e spendili in maniera piu' utile :P!

    Detto questo, mi e' piaciuta veramente tanto la sezione con le risposte dal newsgroup. Da li' mi e' sembrato di capire che, come in tutti gli altri campi del resto, lavorare come consulente in privato (i famosi CTP) frutta decisamente di piu', almeno a livello monetario, che metterti a fare il CTU che soprattutto richiederebbe una carriera in polizia che non sai mai quando e se ti porterebbe a quell'incarico.

    Se questo e' veramente quello che vuoi fare, come al solito i corsi sono utili, anche se uno stage anche gratuito batte un corso 10 a zero. Sono stupito piu' che altro che nessuno abbia parlato di agenzie investigative private - fanno un pacco di soldi soprattutto per questioni di spionaggio/controspionaggio industriale e gli investigatori normalmente non hanno tanta conoscenza in materia, quindi cominciare a chiedere in giro li' potrebbe essere una buona idea. Se vuoi, a Cagliari ho un contatto.

    Poi ho visto che tra i libri che hai letto manca materiale sulla steganografia, particolarmente in voga dato che e' il metodo preferito dei pedofili di nascondere le immagini sui propri sistemi.

    http://en.wikipedia.org/wiki/Steganography

    In bocca al lupo - ricordati che in queste cose e' un po' come fare il medico: su mille casi ce n'e' uno interessante, ma gli altri 999 sono tutti influenza... :)

    Un abbraccio e chissa' se un giorno si riesce a far partire un progettino insieme

    Marco




Torna su

24 novembre 2008

Aspettando Babbo Natale


C'è davvero bisogno di spiegare perché amo questa consolle e per quale motivo sono impaziente di trovarla sotto l'albero di Natale? :-)))



Torna su

11 novembre 2008

Finalmente arrivano i risultati!

Finalmente, dopo aver partecipato a circa una decina di tornei di Burraco, la "gloria" è arrivata! :)

Domenica sera è stato il turno del Bridge Club di Lucca dove io e Francesca ci siamo aggiudicati la seconda posizione, sbaragliando le altre coppie con tanta furbizia ma anche (dobbiamo ammetterlo) una fortuna davvero fuori dall'ordinario.

Lunedì sera invece io e Tommaso ci siamo accaparrati il "premio tecnico" al torneo del Circolo Arci di Zambra (un paesino in provincia di Pisa). Perchè "tecnico"? Beh, non siamo riusciti a concludere il torneo in una delle primissime posizioni ma ogni volta oltre ai tre, quattro o cinque premi riservati alle coppie meglio classificate, c'è sempre un premio (chiamato "tecnico" appunto) che premia la coppia che ha totalizzato il punteggio più alto sommando le due migliori partite della serata.

A questo punto conosco il gioco e i circoli della zona abbastanza bene da poter fare alcune osservazioni:
1) è incredibile come, gira e rigira, alla fine si incontrino sempre alcune presenze ormai diventate "mitiche", anche cambiando sede del torneo.
2) nel gioco indubbiamente conta moltissimo la fortuna ma è l'abilità del giocatore che può limitare i danni quando la serata è storta e "non entrano le carte" e allo stesso tempo può invece trasformare una serata "buona" e fortunata in un vero e proprio trionfo.
3) tempo fa avevo detto che ritenevo il Burraco ancora molto meno divertente del Pinnacolo: mi rimangio assolutamente quello che ho detto! In realtà trovo che sia più divertente, più emozionante ma anche che premi di più l'astuzia, la bravura e soprattutto "le malizie" (come mi disse una signora qualche settimana fa, dopo avermi impietosamente battuto proprio perché mi ero lasciato fregare dalla sue "malizie").

Una nota di merito spetta anche al bellissimo spettacolo di Sabina Guzzanti al quale ho assistito giovedì scorso al Teatro Saschall di Firenze. Lei è stata bravissima come al solito e tutto è stato reso ancora più entusiasmante dalla eccellente posizione in terza fila, a pochissimi metri dal palco e esattamente di fronte a lei (come potete vedere dalle foto)... e per questo devo ringraziare Tommaso che mi ha regalato i biglietti con larghissimo anticipo! :-)

Per concludere mi resta solo da dire che, come ho già detto in un commento al mio post precedente (su Ligabue ai Lucca Comics), purtroppo dovrò rinunciare ad assistere ai due concerti di beneficienza "voce e chitarra" che Ligabue terrà domenica e lunedì a Correggio e Reggio Emilia per più motivi. Innanzitutto conciliare lavoro e lezioni universitarie con una gita fuori porta così lontana sarebbe stato davvero impegnativa. E poi i biglietti per entrambe le date sono finiti appena hanno aperto i box office dei due teatri. Pensate che in tantissimi si son messi in paziente attesa la mattina prima e hanno dormito di fronte al teatro, per un totale di più di 30 ore di fila. Vorrà dire che sarò ancora più motivato a non mancare alla prossima! :-)
  • 11/11/08 21:26  
    Anonymous Tommi ha detto...

    Come non ricordare la onnipresente "livornese", alta 1.54 con i tacchi, che rispose ad un suo avversario "Ma che ____ vuoi?" quando quest'ultimo la esortò a non prendersela a male per la bruciante sconfitta!



Torna su

Copyright © Francesco Pintus. Tutti i diritti riservati. Design di Francesco Pintus, Muggio e DJI per Kitgrafik.com

Marketing ROI