Archivio del Blog
ligne
vai all'indice di tutti i post del blog di Francesco

Il blog di Francesco

27 gennaio 2007

Il mio primo (vero) colloquio di lavoro

Cagliari, 22 dicembre. Sono seduto a casa mia quando squilla il mio cellulare. Leggo il numero ma non lo conosco. Vedo però che la chiamata viene da un nnumero fisso che inizia con 050: chi mai mi chiama da Pisa?

«Pronto?»
«Sì, parlo con Francesco?»
«Sì, sono io.»
«Ciao Francesco, sono Davide. Ti chiamo perché abbiamo ricevuto un po' di tempo fa il tuo curriculum, ricordi? Avevi risposto all'annuncio che avevamo inviato tramite la nostra newsletter.»
«Sì, certo, ricordo: riguarda il lavoro come inviato-giornalista junior per il vostro sito. Giusto?»
«Ehm, sì beh, però, vedi... abbiamo letto il tuo curriculum e ci sembri adatto più che come giornalista, come programmatore web per il nostro sito. La cosa ti interesserebbe?»
«Beh, sì, anzi... ancora meglio direi!»

Dopo avermi chiesto qualche altro dettaglio sulle mie conoscenze tecniche, Davide mi chiede di poterci vedere per un colloquio intorno a metà gennaio, quando sarei tornato a Pisa.

Qualche giorno dopo il mio ritorno a Pisa, ricevo la telefonata di Davide e così fissiamo l'appuntamento: il 20 gennaio alle 11 nella sede di Pisa dell'azienda. Il giorno stabilito puntualissimo mi presento al colloquio e scopro che Davide è l'IT manager (sarebbe il manager dell'area informatica) della società e nell'arco di una mezzora discutiamo bene su qual è il progetto al quale dovrei lavorare, sulle ore di lavoro settimanali, sul pagamento, sulla possibilità di lavorare da casa, ecc.

Due giorni dopo sono di nuovo lì, questa volta per partecipare a una riunione col presidente e col responsabile dei contenuti del sito x meglio definire il mio ruolo e i miei compiti.

Per farla breve, sono stato incaricato del progetto di rinnovamento totale di uno dei siti/portali più cliccati d'Italia. Dovrò rifare completamente il database degli articoli, delle immagini, degli autori e delle parole chiave, importare i dati dal vecchio database al nuovo effettuando tutte le conversioni necessarie, creare tutto il software gestionale che permette ai redattori del sito di inserire i loro articoli e di decidere l'aspetto e i contenuti da mandare in homepage giorno x giorno (compresa la possibilità di programmare aggiornamenti personalizzati dell'homepage per i giorni a venire), automatizzare completamente l'interfaccia del sito e collegare l'applicazione ad alcuni database residenti su altri siti e ad un forum. Dovrò creare un motore che permetta l'inserimento, la modifica, la cancellazione e la visualizzazione di immagini e altri contenuti multimediali all'interno di gallery e articoli e creare un editor di testo visuale che permetta ai redattori di formattare e personalizzare nel modo più facile possibile i testi dei loro articoli, inserendo immagini e qualsiasi altro elemento. Dovrò realizzare un motore di ricerca interno che permetta di trovare tutti gli articoli rispondenti alle parole chiave cercate dall'utente con possibilità di specificare anche un intervallo temporale per restringere ulteriormente la ricerca.

Magari questa breve spiegazione del lavoro (vi assicuro, brevissima e molto semplificata se confrontata con le reali specifiche del progetto) può risultare oscura e poco chiara ad alcuni: comunque, si sarà capito che si tratta di un lavoro lungo e impegnativo!

Ma il bello deve ancora venire: ciò che rende il progetto interessante, oltre alla complessità e alla varietà del lavoro, è il committente. Il sito in questione (di cui al momento non posso assolutamente fare il nome) è infatti uno dei principali portali italiani: nel settembre 2006 ha raggiunto 534.000 visitatori unici per un totale di più di 2 milioni di visite e 12 milioni di pagine viste al mese. La sua community interna conta oltre 400.000 iscritti, 20.000 dei quali si connettono quotidianamente per vedere i propri messaggi ed entrare in chat. È nato nel 1997 come parte di un network mondiale, dal quale si è sganciato nel 2005 diventando un'azienda completamente autonoma e indipendente con un fatturato annuo di più di un milione di euro: oggi il sito raccoglie al suo interno un'attività di web-commerce con il suo shop online, un tour travel operator, una community con forum, chat e servizio di messaggistica interno e un portale con news e articoli aggiornati quotidianamente.

E tutto ciò (o quasi)... affidato in mano mia! Per ora molta tensione e paura di non essere all'altezza o di fare errori ma anche tanta soddisfazione e altrettanto entusiasmo per il compito che mi è stato dato: spero solo di potermi ritenere soddisfatto anche a lavoro completato. Prossimamente i primi aggiornamenti su come procede questa esperienza e... che dire, speriamo bene! ;-)
  • 29/1/07 15:13  
    Anonymous Lorenzo ha detto...

    Complimenti! Sono contento di questa opportunità che ti è capitata, è la prova (ed è anche una speranza per tutti) che il lavoro e la passione pagano! In c..o alla balena!

  • 29/1/07 20:20  
    Blogger Francesco ha detto...

    Beh, che altro posso dire se non... speriamo che non c...i! (mi fai anche essere volgare sul blog! :-P)



Torna su

25 gennaio 2007

Pulsione irrefrenabile nel fare la spesa

Tempo fa avevo raccontato della terribile indecisione che mi assale quando mi trovo a dover scegliere cosa comprare di fronte a uno scaffale pieno di prodotti tutti diversi per forme, dimensioni, colori e caratteristiche. Sia chiaro però che questa mia indecisione non mi impedisce affatto di spendere decine (se non centinaia) di euro in acquisti più o meno utili.

Infatti, ogni volta che vado a fare la spesa, per il mio conto in banca è una strage. Soffro inoltre di una particolare sindrome secondo la quale "meno devo comprare più spendo". La spiegazione di questo fenomeno è presto detta: non riesco nel modo più assoluto ad uscire dal supermercato senza aver messo nel carrello qualcosa che non avevo in mente di comprare. Se però può essere accettabile concedersi "qualche piccolo extra" quando si fa la super-mega-spesa mensile, è decisamente meno accettabile ritrovarsi alla cassa con decine di prodotti di dubbia utilità quando l'intento iniziale era solo l'acquisto di un pacco di zucchero. Ancora meno tollerabile (ma non per questo meno frequente) è uscire di casa per comprare uno specifico prodotto e tornare a casa carico di buste strapiene delle cose più impensabili ma ovviamente senza aver comprato ciò per cui si era usciti (i motivi per cui può accadere sono tanti, non ultimo la mia sbadataggine).

Ieri sera per esempio sono entrato alla Coop promettendomi di prendere solo lo stretto indispensabile ovvero due pacchi di pasta che a casa avevo finito: così facendo avrei anche potuto cambiare quei 50 euro interi che avevo nel portafoglio e col resto avrei potuto mettere benzina al distributore automatico... insomma, un piano perfetto! Quando la gentile cassiera mi ha comunicato che il totale della mia spesa ammontava a circa 95 euro, ho subito capito che qualcosa era sicuramente andato storto: dovevo aver commesso ancora una volta lo stesso errore. :-/

Cosa ho comprato? Beh, innanzitutto chili e chili di cibarie, di quelle che appena le vedi pensi: "mmh... in effetti questo a casa è finito (o forse non l'ho mai avuto)... ma sì, prendiamolo!". Poi un colino giallo (a casa non c'era e può sempre servire), una bistecchiera in ghisa con cui cuocere la bistecca, guanti gialli e spugnette abrasive gialle per lavare i piatti, un pratico pelapatate giallo e uno strano filo interdentale con l'impugnatura in plastica a forma di forcella perché quello standard che avevo comprato la settimana scorsa (sì, non è un errore di battitura... la settimana scorsa! ;-)) lo trovavo decisamente poco comodo da usare (e per questo credo che finirà tra le cose che non userò mai più). E per fortuna che non contavo di tornare subito a casa e quindi ciò mi ha impedito di dedicare ai surgelati l'attenzione che avrebbero meritato (non potevo rischiare che si sciogliessero in macchina)... altrimenti credo che avrei dovuto prendere un altro carrello!

Insomma, tutte cose forse non indispensabili ma comunque di certo non inutili (gli sprechi eccessivi ho imparato a limitarli dopo i primi mesi passati qua a Pisa da solo), e questo mi fa sentire soddisfatto. Del resto, sono in tanti a considerare lo shopping un efficace anti-stress: beh, io lo shopping amo farlo anche al supermercato! Che c'è di male?

Tutto ciò anche per rispondere a tutti quelli che mi chiedono come mai faccio la spesa una volta ogni mese (talvolta anche mese e mezzo) invece che settimanalmente: vi immaginate un salasso simile tutti i sabati??? Ah, dimenticavo: alla fine ho dovuto pagare con la carta di credito e quindi i 50 euro non li ho cambiati... e il mio piano perfetto ha fatto PUF! ;-)
  • 25/1/07 22:06  
    Anonymous Cla ha detto...

    Da una sprecona incallita come me, puoi avere solo approvazione!;)

  • 26/1/07 23:25  
    Blogger Francesco ha detto...

    Eheh... sapevo di poter contare sul tuo appoggio! ;-)



Torna su

13 gennaio 2007

2006 - In & Out: cosa merita di essere portato nell'anno nuovo?

    Questo post fa parte di una serie di tre interventi sull'anno 2006 che saranno pubblicati l'11, 12 e 13 Gennaio. Questi i capitoli della 'trilogia':
  • Cronaca semi-seria di un anno che ha cambiato la mia vita (I parte)
  • Cronaca semi-seria di un anno che ha cambiato la mia vita (II parte)
  • In & Out: cosa merita di essere portato nell'anno nuovo?
E ora, dopo la mia lunghissima cronaca del 2006, finalmente un po' di sintesi. Schematizzate e riassunte in 10 punti, tutte le cose da ricordare e quelle assolutamente da cancellare del 2006.

DA BUTTARE VIA
  • la scomparsa del mio vecchio amico
  • il brutto litigio di giugno

  • la pena di morte

  • Calciopoli

  • il cinema di quest'anno... annata davvero scadente

  • la mia gelosia esagerata
  • la vecchia casa di Pisa

  • tutti i libri di Calcolatori Elettronici! ;-)

  • le posate pagate poco e... durate ancora meno! :-(

  • le mie Prada bianche (mi piange il cuore ma ormai sono irrecuperabili!)


DA SALVARE
  • l'Amore, quello con la A maiuscola

  • i due concerti di Ligabue

  • la vittoria del centro-sinistra alle elezioni

  • i due gol di Grosso (semi-finale e finale) e la Coppa del Mondo

  • la mia nuova vita a Pisa e tutte le nuove amicizie pisane

  • i miei vecchi amici di Cagliari, che purtroppo vedo sempre meno ma che è sempre un piacere ritrovare

  • i "discorsi interrotti (e quelli mai iniziati)" finalmente conclusi

  • i miei hobby e tutte le mie manie e passioni che mi fanno entusiasmare perché, come dice Ligabue, a quelli come me "quei progetti lì e quei difetti lì ci fanno stare più contenti"

  • Daniele, Andrea e la mia nuova casa

  • ovviamente... il sito www.viabonanno24.it e tutti voi che lo visitate ogni giorno! :-)

  • 14/1/07 12:43  
    Anonymous Tommi ha detto...

    Bravo

  • 15/1/07 19:18  
    Blogger Francesco ha detto...

    Grazie! :-)

  • 23/1/07 15:53  
    Anonymous Muggio ha detto...

    Ehi, voglio essere citato specificatamente sulle cose da salvare :P Uff, che palle stare a laboratorio di informatica, sono tre quarti d'ora che ci viene mostrato come cambiare le impostazioni delle tabelle su word (farle su excel no, eh?)...posso cmq dire di avere imparato come colorarne bordi, grigla, interno...insomma tutte le cose che non mancherò di usare sul mio prossimo lavoro .doc *_* non vedo l'ora! Prof...per carità, ci dia una pausa, ho stanchi gli occhi a furia di stare su youtube^^'



Torna su

12 gennaio 2007

2006 - Cronaca semi-seria di un anno che ha cambiato la mia vita (II parte)

    Questo post fa parte di una serie di tre interventi sull'anno 2006 che saranno pubblicati l'11, 12 e 13 Gennaio. Questi i capitoli della 'trilogia':
  • Cronaca semi-seria di un anno che ha cambiato la mia vita (I parte)
  • Cronaca semi-seria di un anno che ha cambiato la mia vita (II parte)
  • In & Out: cosa merita di essere portato nell'anno nuovo?
L'estate comunque era ormai alle porte e così nel giro di un mesetto mi ritrovai di nuovo nella mia terra natale, non prima di aver festeggiato in piazza a Viareggio la vittoria dei mondiali (anche queste sono cose importanti... o no? ;-))
Pochi giorni dopo il mio arrivo a Cagliari, andai all'indimenticabile concerto di Ligabue (per me il secondo nel giro di due mesi) accompagnato dai coraggiosi (e per stare 6 ore sotto il sole di fine luglio di coraggio ce ne voleva davvero tanto!) Lorenzo, Andrea, Claudia e Fabio (quest'ultimo volutamente in fondo alla lista... le foto del concerto nella gallery spiegano a chi ancora non lo sapesse il perché! :-P): un concerto assolutamente indimenticabile, da ricordare come una delle serati più divertenti di tutta l'estate!
Venne poi il momento di un altro "discorso interrotto" o meglio, mai iniziato: senza dubbio il più importante di tutti, quello più sofferto e più difficile ma anche quello che probabilmente mi ha portato i benefici maggiori in termini di felicità e serenità.

I primi venti giorni di Agosto vennero consacrati al relax e al riposo più totale: un breve giro turistico delle coste della Sardegna (fatto per mostrare il "vero mare" a chi, provenendo dalla Toscana, il "vero mare" non l'aveva mai visto) fu anche un'occasione per me di vedere alcuni posti della mia regione che non avevo mai visitato.
Il resto del mese passò veloce e così partii senza essere riuscito a vedere quanto avrei voluto alcuni miei vecchi amici di Cagliari, e la cosa mi dispiacque davvero tanto.

Una volta sistematomi in via Bonanno 24, i mesi passarono tranquilli: amore e amicizie andavano davvero alla grande e l'esame passato di Calcolatori Elettronici migliorò notevolmente il mio umore anche riguardo alla mia situazione universitaria. A ottobre mia madre venne a trovarmi per una settimana: con lei feci un breve viaggio a Berlino e un ancor più breve ma molto fruttuoso assalto all'Ikea di Firenze... sedia, cassettiera, mobiletto per la TV, scrivania, lampada da tavolo, lavagnette... da quel giorno camera mia non è più la stessa! ;-)

Poi venne il periodo della creazione e dell'inaugurazione del sito: uno di quei progetti che mi hanno assorbito tantissimo tempo e energie. E chi mi conosce bene non avrà difficoltà a ricordare quanto sono capace di impegnarmi e farmi coinvolgere da un'idea quando questa davvero mi appassiona!

E con questo eccoci qua... il 2006 è finito e ora mi ritrovo a ripercorrerlo in un post che inevitabilmente non può (e mai potrebbe) esprimere tutti i miei stati d'animo e le mie sensazioni, che possono conoscere e capire solo coloro che mi sono stati vicini (fisicamente o "virtualmente") in questi lunghi e intensi 12 mesi. Ne risulta così una semplice e (forse) fredda cronaca che comunque, anche solo per il numero di avvenimenti ed episodi raccontati, dovrebbe secondo me essere in grado di dare un'idea a chi legge di cosa è stato e cosa ha rappresentato per me l'anno appena trascorso.

12 mesi fa mi trovavo ancora a Cagliari per le vacanze di Natale, spaventato all'idea di dover tornare entro pochi giorni in quella Pisa per me ancora sconosciuta che tanto mi aveva spaventato in quei 15 giorni di dicembre in cui l'avevo vissuta da solo.
Addirittura 15 mesi fa mi trovavo seduto in un aula della Facoltà di Ingegneria dell'Università di Cagliari a seguire una noiosa lezione di qualche materia della Laurea Specialistica in Ingegneria Elettronica mentre ancora neanche avevo la Laurea triennale e neppure lontanamente pensavo alla possibilità di trasferirmi a studiare in un'altra città. Insomma, decisamente un bel cambiamento nell'arco di così pochi (?) mesi, no?

Per questo, io che son sempre stato affascinato dalle storie alla "Sliding Doors" nelle quali un solo dettaglio è in grado di modificare un'intera vita, a volte mi chiedo: come sarebbero andate le cose se Stefano non si fosse trasferito a studiare a Pisa? Come sarebbe stato il mio primo periodo a Pisa se Fabio non fosse stato ammesso al master? Ora sarei ugualmente soddisfatto se quell'11 di marzo le cose fossero andate diversamente? A queste domande non so e non posso dare risposta.

Posso però chiedermi: sono felice di aver avuto il coraggio di trasferirmi per studiare quello che mi è sempre interessato di più? E la risposta è assolutamente e indubbiamente sì... e in fondo questo è quello che conta! :-)
  • 12/1/07 20:53  
    Anonymous Cla ha detto...

    Sul fatto che il concerto di ligabue sia stata "una delle serate più divertenti di tutta l'estate" ci può anche stare, ma aggiungerei quel "piccolo" dettaglio del leggero caldo e della ressa "quasi trascurabile" che mi stava x far soffocare!;P detto questo, che dire...quest'anno senza di te è stato strano,e anche se siamo sopravvissuti, ci 6 mancato!:)

  • 14/1/07 02:37  
    Blogger Francesco ha detto...

    Grazie, mi fai arrossire ma... parli al plurale? Sicura di aver consultato il resto del gruppo prima di sbilanciarti in simili affermazioni? :-P
    Comunque sì, anch'io mi ricordo un certo calduccio in quel glorioso 27 luglio... ma resta comunque IL GIORNO DEI GIORNI! :-)


  • 14/1/07 11:03  
    Anonymous Cla ha detto...

    Lo sai che le persone importanti usano il plurale maiestatis...;-P e poi, di che ti stupisci...io, SONO AFFETTUOSISSIMA!!! :D

  • 14/1/07 12:05  
    Anonymous Lorenzo ha detto...

    Non vorrei che ti montassi la testa, però è vero che un po' ci sei mancato. Soprattutto perchè - ed è forse il primo complimento esplicito che ti faccio da quando ci conosciamo - hai il pregio di non voler mai stare passivo ad aspettare che le cose ti cadano sulla testa: sperimenti, conosci persone nuove, insomma dai l'impressione di essere in movimento e questo è importante. Detto ciò (segnati la data di questo post), resta un bel lavoro da fare sul fatto di esternare i sentimenti e le emozioni, dopo quasi dieci anni te lo posso dire!!

  • 15/1/07 19:22  
    Blogger Francesco ha detto...

    Per Claudia: sulla tua affettuosità io stenderei un velo pietoso... diciamo che tu sei affettuosa almeno quanto io sono solito esternare i miei stati d'animo, ok? :-P

    Per Lorenzo: È davvero un bellissimo complimento, grazie! Per quanto riguarda la mia "imperscrutabilità" cercherò di lavorarci però dovete anche essere voi a spronarmi un po'! (qualcosa mi dice che mi pentirò amaramente di questa frase! :-P)


  • 15/1/07 23:11  
    Anonymous Cla ha detto...

    :-| io sono affettuosa... un'affettuosa incompresa a quanto pare...



Torna su

11 gennaio 2007

2006 - Cronaca semi-seria di un anno che ha cambiato la mia vita (I parte)

    Questo post fa parte di una serie di tre interventi sull'anno 2006 che saranno pubblicati l'11, 12 e 13 Gennaio. Questi i capitoli della 'trilogia':
  • Cronaca semi-seria di un anno che ha cambiato la mia vita (I parte)
  • Cronaca semi-seria di un anno che ha cambiato la mia vita (II parte)
  • In & Out: cosa merita di essere portato nell'anno nuovo?
In altre circostanze avrei trovato decisamente banale scrivere un post sull'anno da poco terminato. Ma i dodici mesi appena trascorsi sono stati talmente intensi e significativi da giustificare ampiamente un loro breve (almeno nelle intenzioni, poi chissà...) riepilogo e una riflessione su questi 365 giorni così densi e importanti.

Il mio 2006 iniziò male, malissimo, nel peggiore dei modi possibili. Cominciò con la notizia della morte di un mio amico d'infanzia che lo scorso 14 gennaio decise di togliersi la vita. Una di quelle amicizie nate perché le nostre madri si conoscevano e frequentavano dai tempi del liceo: e così, soprattutto fino ai dodici-tredici anni, capitava spesso di andare l'uno a casa dell'altro, di giocare insieme ai videogiochi, di passare le giornate estive nella sua casa al mare, di trascorrere insieme i Capodanni con le rispettive famiglie tra petardi, fontane e girandole. Poi arrivò il periodo dell'adolescenza che inevitabilmente ci allontanò: come è normale, sia io che lui iniziammo a frequentare i nostri gruppi di amici e capitava sempre più raramente di incontrarci. Inoltre i tre anni di differenza tra di noi non ci aiutarono certo a restare uniti: frequentavamo ambienti e persone diverse e così ultimamente ci si vedeva solo poche volte all'anno, d'estate e durante le vacanze di Natale.

Anche a causa di questo fatto, posticipai di qualche giorno la mia partenza da Cagliari. E questo fu un bene perchè mi permise di partire inseme a Fabio, che proprio qui a Pisa doveva sostenere un colloquio d'ammissione ad un master sulla Cina. Qualche settimana dopo si seppero i risultati: Fabio era stato ammesso e, nel giro di pochi giorni, sarebbe venuto a Pisa per seguire i primi due mesi del suo corso. La sua presenza mi aiutò tantissimo a superare lo shock iniziale dell'insediamento in una nuova città: si può dire in fondo che il mio periodo di assestamento sia durato solo quelle due (lunghe) settimane del dicembre 2005 durante le quali sperimentai davvero cosa significhi arrivare in una città piccola ma completamente sconosciuta e affrontare da solo i pranzi, le cene, la mensa, le prime lezioni universitarie, le uscite pomeridiane per negozi e tutto il resto. Fortunatamente in casa con me c'era Stefano, mio vecchio amico di Cagliari trasferitosi qua a Pisa pochi mesi prima di me, il quale seppure molto spesso assente per motivi di studio, mi aiutò molto a fare le mie prime conoscenze e mi introdusse nel suo giro di amici.

Ma torniamo al 2006: come ho detto, a gennaio arrivò Fabio e nello stesso periodo iniziai a fare le prime conoscenze pisane, alcune delle quali sono oggi diventate le mie più strette amicizie in terra toscana. Conobbi così (in rigoroso ordine cronologico) Maria Chiara, Annalisa, Ugo, Giona, Gianmaria, Giuseppe, Danix, Alex, Tommaso, Luca... e tantissime altre persone che sarebbe impossibile e inutile elencare in questo post. A marzo mi fidanzai e da quel momento iniziò uno dei periodi più sereni e felici della mia vita che, fortunatamente, dura tutt'ora. Quando, a fine mese, Fabio abbandonò Pisa per proseguire il suo master in Cina, mi lasciò ormai circondato da un gruppo di amicizie e affetti, sicuramente ristretto rispetto a quello a cui ero abituato a Cagliari, ma non per questo meno prezioso o importante.

Nel frattempo, la serenità ritrovata (o forse acquisita davvero per la prima volta) mi permise di affrontare felicemente, nelle mie rapide ma abbastanza frequenti incursioni in Sardegna, alcuni "discorsi lasciati in sospeso" con un paio di amici di Cagliari, dei quali non farò il nome più che altro per risparmiare a loro i lunghi e pressanti interrogatori dei soliti "curiosi". ;-) (Sono certo comunque che gli interessati abbiano capito che mi riferisco a loro!)

Intanto in casa ci eravamo dovuti stringere un po' per far spazio a Jean Baptiste, un amico francese di Stefano, giunto qui a Pisa come studente Erasmus. Ma comunque non ci si lamentava e la vita pisana, tra alti e bassi, proseguiva tutto sommato abbastanza tranquillamente.
Intorno alla metà di giugno, come un fulmine a ciel (quasi) sereno, la quiete di via di Pratale 36 fu scossa da un brutto litigio tra me e Stefano che rese decisamente incandescente l'atmosfera che si respirava in casa e allo stesso tempo mi fece apprezzare la presenza di Jean Baptiste come mai avevo fatto prima di allora.
Nel frattempo era in atto la mia ricerca di un alloggio per l'anno successivo che, a prescindere dalla rottura con Stefano, avrei comunque dovuto trovare. Fortuna volle che proprio mentre ero immerso tra annunci, giornali e volantini di agenzie, grazie a Giamma e a Giuseppe, venni a sapere che un loro amico (il nome Daniele vi dice qualcosa? :-P) era pure lui reduce da un litigio con una delle sue due coinquiline e che proprio per questo motivo cercava qualcuno a cui affittare la stanza da lei lasciata libera. Come è andata a finire è inutile che ve lo racconti! ;-)
  • 11/1/07 11:43  
    Anonymous Lorenzo ha detto...

    Scusa Fra, ma non ti sembra che il tuo racconto non rispetti l'enfasi del titolo? ;-)

  • 11/1/07 12:13  
    Blogger Francesco ha detto...

    Nel senso che non ha cambiato la mia vita, nel senso che non è seria neanche a metà o nel senso che è seria al 100%? :-)

    Comunque ovviamente questi sono solo i primi sei mesi del 2006... domani posterò il seguito. È come una soap opera... a puntate! :-P


  • 11/1/07 12:36  
    Anonymous Lorenzo ha detto...

    Nel senso che ci vuole più sentimento! Suvvia, un po' di pathos, altrimenti il pubblico non viene coinvolto! :-)

  • 11/1/07 13:09  
    Blogger Francesco ha detto...

    Sono stato inibito da Claudia che mi ha tassativamente proibito ogni genere di smancerie o sentimentalismi quindi... cronaca doveva essere e cronaca è stata! ;-)

    Comunque, a parte gli scherzi, le mie riflessioni personali saranno nella seconda parte... finora è solo un (non) breve riassunto! :-)


  • 11/1/07 13:40  
    Anonymous Cla ha detto...

    io veramente ho richesto solo un po' di tutela per i diabetici, non ho "proibito" il pathos narrativo!;-P

  • 12/1/07 00:22  
    Blogger Francesco ha detto...

    Beh, d'altra parte, non sono sempre stato ritenuto un ragazzo imperscrutabile che poco esternava i suoi sentimenti e rendeva a tutti molto difficile capire cosa provava veramente?

    Eppure son sicuro di essermi aperto molto da questo punto di vista negli ultimi anni... o no? ;-)


  • 12/1/07 12:15  
    Anonymous Fabio ha detto...

    ... io avrei dato più rilevanza al personaggio di Fabio, voglio dire, si capisce che è un gran figo!!! :-p

  • 12/1/07 20:30  
    Blogger Francesco ha detto...

    Beh, ma quello è sottinteso... "chi ti conosce lo sa"! ;-)



Torna su

9 gennaio 2007

Ecco a voi... Chef Francesco!

Ci sono sere in cui mi sento molto cuoco, e questa è una di quelle.

Quando verso le 8 ho avuto conferma del fatto che Gianmaria sarebbe stato impegnato per cena con la sua dolce metà, ho pensato che la voglia di vestirmi, prendere la bicicletta, fare la fila a mensa e cenare da solo era davvero poca e così ho deciso che avrei cenato a casa.

Verso le 9 e qualcosa sono andato ai fornelli e ho messo l'acqua per la pasta. Nel frattempo ho iniziato a far soffriggere la cipolla in una padella nella quale poi avrei dovuto scaldare le carotine e i piselli in barattolo comprati qualche ora prima al supermercato vicino a casa.

Proprio mentre sceglievo il sugo pronto da usare per condire la pasta, mi è venuta un'illuminazione. Mi sono ricordato di avere nel congelatore un bicchierino con qualche fetta di zucca (rimasta dalla cena di Capodanno) tagliata a dadini e già rosolata. E qui entra in gioco il mio istinto da chef: perchè non unire i dadini di zucca alla cipolla e riprovare la preparazione di quei bucatini alla cipolla e alla zucca che furono il mio primo tentativo culinario pochi giorni dopo il mio trasferimento a Pisa nel lontano dicembre 2005? Quel tentativo tra l'altro fallì miseramente oltre che a causa della mia incapacità, anche e soprattutto a causa dell'assenza sui banconi del Carrefour della zucca fresca che, come si evince dal nome della ricetta, costituiva un ingrediente fondamentale del piatto! ;-)

Comunque, non divaghiamo: eravamo arrivati al mio colpo di genio! Ebbene, prendo il bicchierino conservato nel freezer e ne rovescio il contenuto, ovviamente ghiacciato, nella padella. In aggiunta a ciò butto nella padella anche una manciata di pinoli che mi ricordavo essere presenti nella ricetta originale. Dopo qualche minuto impiegato a scaldare e picchettare col coltello il blocchetto di ghiaccio per cercare di farlo sciogliere prima che la pasta fosse pronta, ecco il risultato:

Non so cosa possa sembrare dalla foto, ma vi assicuro che era proprio buona. E questo nonostante non abbia seguito la ricetta del libro (che ora sono andato a rileggere) e che diceva di cuocere a vapore la zucca (mentre io l'avevo rosolata), aggiungere uvetta sultanina e zucchero e unire al sugo un po' di maggiorana e qualche cucchiaio di aceto di mele. Insomma, la mia creatività mi ha premiato e allora, incoraggiato da questo successo, ho deciso di sperimentare un'altra new entry nel mio menu di studente fuori sede: delle fettine di maiale passate in padella con pepe, olio e aceto balsamico. Ricetta completamente inventata di sana pianta e che probabilmente farà storcere il naso ai palati più raffinati ma comunque anche la carne è venuta buona, anche se al primo assaggio (e per assaggio intendo che le fettine erano già pronte sul mio piatto) era ancora cruda e l'ho dovuta rimettere in padella.

Insomma, un piatto completamente inventato sul momento e l'altro solamente ispirato a una ricetta letta più di un anno fa e non solo sono ancora vivo ma posso addirittura dire di aver mangiato bene: sono proprio soddisfatto di me stesso. E che nessuno si azzardi a dire che in fondo non ci voleva il diploma di chef per preparare una pastasciutta e due fettine saltate in padella... chi mi conosce da qualche anno, ovvero da quando ancora non ero in grado neanche di salare l'acqua per la pasta, sa bene quanto grandi siano per me questi traguardi!
  • 9/1/07 23:23  
    Anonymous Cla ha detto...

    allora, comincio col dire che sì, di progressi ne hai fatti, (non so perchè, ma mi ricordo una volta, secoli fa, che al telefono mi hai chiesto come si cucinava qualcosa sul tipo dei 4 salti in padella...:)) ma finchè non provo, le tue abilità culinarie sono ancora tutte da vedere!!;)

  • 10/1/07 00:23  
    Blogger Francesco ha detto...

    Volentieri... dispostissimo a sottopormi al tuo giudizio! Purché però prima mi stili una breve ed esaustiva lista di quegli unici 5 o 6 ingredienti che ti piacciono! :-) Già mi immagino cosa ne verrà fuori: pasta al pomodoro, fettina in padella, patate arrosto e una mela... evviva la creatività! :-/

  • 10/1/07 13:24  
    Anonymous Cla ha detto...

    non è vero..uffi!!diciamo che son disposta a sperimentare...metto come unico divieto il limone, le acciughe e le carote cotte...e anche le olive...e il sedano...e l'origano...e i carciofi...e mah, forse basta! qualcosina su cui puntare già ti è rimasto!;)

  • 10/1/07 14:33  
    Anonymous Fabio ha detto...

    ...Sono commosso! My boy is growing up! :'-) Devo dire che di passi avanti ne stai facendo... e da gigante aggiugerei! Bravo, bravo, bravo! Se penso che un tempo eri totalmente avulso dal mondo culinario! Mi prendo però 2 meriti: 1)il fantastico libro che t ho regalato io "Oggi Cucino io 2" che immaginavo potesse essere utile per la tua nuova vita da studente indipendente; 2)l'idea delle verdure riscaldate in padella col soffritto l'hai presa da me e dai miei giorni parigini! Ah, che nostalgia! Mi è venuta voglia di una scaloppina all'arancia... :-)

  • 10/1/07 16:13  
    Blogger Francesco ha detto...

    Per Claudia: aggiungiamo pure alla lista degli ingredienti proibiti noci, pinoli, pere, arance, asparagi, rucola... e qualche altro centinaio di cose e ci siamo quasi! ;-) Comunque prometto che un giorno mi impegnerò a cucinarti qualcosa usando solo ingredienti da te apprezzati! :-)

    Per Fabio: è verissimo... riconosco tutti i tuoi meriti! :-) Ora però voglio qua sul blog la ricetta della scaloppina all'arancia, mi hai incuriosito! (Tranquilla Claudia, nel tuo menu personalizzato quella non la mettiamo)! :-P


  • 10/1/07 19:34  
    Blogger Francesco ha detto...

    Questo commento è stato eliminato dall'autore.

  • 10/1/07 21:50  
    Anonymous Cla ha detto...

    la cosa più difficile per un grande chef è accontentare un cliente dai gusti improbabili e impossibili..quindi la tua sfida culinaria più grande sarà accontentare me!;P

  • 12/1/07 00:25  
    Blogger Francesco ha detto...

    E comunque, giusto per confermare il mio trend culinario positivo, vorrei farvi notare che il giorno dopo aver preparato la pasta alla zucca ho cucinato un pranzo a base di:
    - Orecchiette con pomodorini freschi e formaggio caprino al profumo di menta e basilico
    - Scaloppine di manzo al Roquefort
    - Fonduta di cioccolato fondente con macedonia di frutta fresca

    E scusate se è poco... ahahah! :-P


  • 12/1/07 12:38  
    Anonymous Fabio ha detto...

    Oddio, ma non è che sia sta gran ricetta e sinceramente ho dubbi che le scaloppine si facciano così! Tra l'altro a onor del vero, la cosa mi è stata ispirata da Giacomo (mio coinquilino a Parigi), che a sua volta l'aveva appresa da un sua amica straniera. Ispirata, perchè io l'ho modificata e perfezionata, ah, ah! Ma cmq! Si tratta innanzitutto di passare la carne nella farina. Poi si fa scaldare dell'olio in padella e quando è caldo si mette la scaloppina a cuocere per qualche minuto: non deve essere cotta completamente. Poi si versa il succo di un'arancia (grossa) sopra la fettina, che finirà la sua cottura in questo bel laghetto: quando il sugo si è un po' ristretto, allora la scaloppina è pronta. Il tutto va fatto a fuoco non alto, e fa' attenzione che la farina non si cuocia troppo altrimenti non vien bene! La "ricetta" è finita, però io son del parere che ci manchi qualcosa, tipo una spezia o qualche altro ingrediente: si accettano suggerimenti! :-)

  • 12/1/07 20:21  
    Blogger Francesco ha detto...

    Ma quanto olio? Pochissimo giusto x ungere la padella o un po' di più?
    E poi "attenzione che la farina non si cuocia troppo"... lo sai che odio questi termini così poco precisi: non sai dirmi almeno indicativamente i minuti di cottura? O perlomeno... da cosa si capisce quando sta cuocendo troppo? :-P

    Comunque una volta chiariti questi piccoli dettagli mancanti, prometto che mi cimenterò in questa nuova ricetta! :-)


  • 21/1/07 19:24  
    Anonymous Fabio ha detto...

    Mado', lo sapevo che nn t saresti accontentato d qualche indicazione! Allora, sì, l'olio deve essere poco, ma neanche troppo poco: nel senso che ce ne deve essere un film sottile che copra tutta la padella perchè altrimenti nn riesci a cuocere la carne! Insomma ce ne deve essere abbastanza da cuocere la carne ma nn la devi immergere come se la dovessi fare fritta!!! E poi la devi tenere nell'olio poco, qualche minuto penso! Ma nn te lo so dire bene perchè dipende da quanto è alta la fettina e di che carne è fatta! Insomma devi vedere un po' tu dal colorito (al massimo la tagli un po' e vedi se è cotta)! Ma cmq a fuoco basso perchè altrimenti la farina si frigge e si brucia e poi nn rimane buona! E' decisamente + facile da fare che da spiegare! ;-)

  • 26/1/07 23:27  
    Blogger Francesco ha detto...

    Va bene... prometto pubblicamente che ci proverò! E poi ovviamente ti (vi) farò sapere i risultati! :-)



Torna su

5 gennaio 2007

Un ricco, ricchissimo Natale!

Non posso negarlo: questo Natale è stato decisamente ricco! :-) Oltre a svariati piccoli e medi regali ricevuti da amici e parenti, anche tanti soldi (decisamente più di quanti me ne aspettassi) da genitori e zie.

Insomma, la crisi economica dell'ultimo periodo è stata decisamente risanata, per fortuna. E ora, speriamo solo di riuscire a conservare per almeno qualche mese tutti questi soldini.

Ma adesso, siccome dire quanti soldi ho ricevuto non è molto elegante, mi limiterò ad elencare tutti gli altri (bei) regali che ho ricevuto (clic sul nome per mostrare l'immagine del regalo): quest'anno sono stato fortunato, mi sono piaciuti proprio tutti!

Il dvd del leggendario concerto del 10 settembre di Ligabue a Campovolo (Reggio Emilia). Evento entrato nel guinness dei primati: mai così tanti spettatori paganti avevano assistito in Europa a un concerto di un solo artista (o gruppo).

Un bellissimo calendario da parete di Van Gogh, il mio pittore preferito. Dovete sapere che io amo i calendari. Li adoro proprio, sono una delle mie fisse. Normalmente le persone nella propria stanza hanno un calendario, o magari due se ne tengono uno appeso al muro e uno più piccolino sul tavolo. Beh, io no: mi è capitato di averne 4, 5, addirittura 6! Trovo irresistibile l'idea di poter abbellire la propria stanza con una sorta di poster che cambia la sua immagine una volta al mese, solitamente. Già, solitamente perchè esistono anche i calendari giornalieri il cui disegno cambia ogni giorno ma ormai sono diventati quasi una rarità (modestamente io ce l'ho, ovviamente! :-P). Inoltre se, come nella mia stanza, i calendari sono tanti, ogni primo del mese le pareti si trasformano completamente... meraviglioso!

Tre profumi, tutti graditissimi visto che tutti quelli che avevo erano finiti: Lacoste Red, Calvin Klein Eternity, Grigioperla Touch.

Un timer da cucina a forma di hamburger, utilissimo visto che in questo periodo mi sto cimentando sempre più spesso coi fornelli e in casa mancava.

Il cofanetto del tour "Nome e Cognome" di Ligabue, di cui tra l'altro ho assistito a due concerti (uno allo stadio di Firenze, l'altro alla fiera di Cagliari). In assoluto il più bel cofanetto di dvd musicali che abbia mai visto. 4 concerti in versione "più che integrale", dalle preparazioni prima dello spettacolo fino all'ultimo bis. Il concerto allo stadio San Siro, quello all'Alcatraz di Milano, quello al Teatro Verdi di Firenze e quello al Mazda Palace di Torino. Più un altro dvd con riprese dietro le quinte, interviste, video e tanto altro ancora. Semplicemente stupendo!

Il libro di poesie di Ligabue, uscito proprio ultimamente. Per caso si è capito che mi piace Ligabue? ;-)

Un orologio da parete per camera mia, visto che mancava! :-)

Un paio di calzini a righe, una delle altre mie fisse (e non solo mia! ;-)) di quest'ultimo periodo!

Un paio di rarissimi, preziosissimi e introvabili slip D&G blu con la stampa di Tom (quello di Tom and Jerry)... sembra ne esistano solo 15 esemplari al mondo!!! :-O

E voi invece cosa avete ricevuto per Natale?



Torna su

Copyright © Francesco Pintus. Tutti i diritti riservati. Design di Francesco Pintus, Muggio e DJI per Kitgrafik.com

Marketing ROI